FM 24 IL CICLO DI LOW NELLA GERMANIA

20.04.2024

Introduzione

Uno degli allenatori più longevi della storia delle nazionali con i suo 15 anni, dal 2006 al 2021, alla guida della Germania. Joachim Löw inizia la sua sua carriera come allenatore di club senza mai raggiungere una big. In patria la panchina più importante è stato lo Stoccarda a meta anni '90 dove vincerà comunque una Coppa nazionale, per poi girovagare tra Turchia e Austria dove compirà la sua impresa più grande a livello di club vincendo con il Tirol Innsbruck il campionato e la Supercoppa austriaca.

Con la Germania invece apre nel 2006 un ciclo lunghissimo, dopo la debacle casalinga, ma l'apice arriva nel 2014 quando vince la Coppa del Mondo in Brasile battendo i padroni di casa addirittura 7-1 nella semifinale.


Nel 2017 vincerà poi anche la successiva Conferations Cup in Russia, dove si svolgerà il Mondiale 2018 dove inizierà il declino uscendo addirittura ai gironi. In questo articolo vi voglio parlare della sua tattica più utilizzata durante il suo ciclo che è il 4-3-3, ma spiegherò e ricreerò in Football Manager 24 anche la tattica usata nella Conferations Cup da Low per la sua Germania che è molto particolare.

Analisi tattica del 4-3-3

Il sistema base di Joachim Löw è il 4-3-3 con i suoi sviluppi nel 4-2-3-1 e altri svariati moduli. La costante è però la ricerca del possesso palla. I giocatori più rappresentativi e importanti dei suoi cicli sono stati il portiere Manuel Neuer, fondamentale non solo per le capacità nel parare ma anche con i piedi. Kross, l'ex Bayern Monaco e adesso al Real Madrid è stato il perno del centrocampo del suo ciclo. Nel reparto offensivo invece il giocatore onnipresente è stato Thomas Muller. 

Per quanto riguarda questa emulazione tattica in Football Manager 24 ho voluto omaggiare un giocatore che io ho amato come Ozil, ecco perchè come esterno sinistro alto troverete un trequartista. Visti comunque i molti giocatori che si sono alternati li nel suo ciclo, voi potete usare sia un'ala invertita che un attaccante esterno.

Costruzione

La Costruzione è dal basso con un grande fraseggio, evitando quando possibile il lancio lungo. Il regista viene incontro per dare supporto alla costruzione. I terzini sono larghi e partecipano alla manovra.

Sviluppo

La Germania di Joachim Löw si presentava spesso con 7/8 uomini nella metà campo avversaria. Nel Mondiale 2014 come terzino sinistro giocava Höwedes, un centrale difensivo.

Anche nella fase di Sviluppo la Germania cerca il fraseggio stretto tra i giocatori, specie nella zona di rifinitura dove schiaccia gli avversari e cerca lo spazio giusto per mandare i compagni alla conclusione. La lateralità è data dai terzini, visto che gli esterni stringono dentro al campo, ma servono più che altro ad allargare le maglie avversarie. La rifinitura quindi  per Joachim Löw è molto usata.

Finalizzazione

Le soluzione più utilizzate dalla Germania di Low sono i passaggi in profondità a premiare gli inserimenti oppure i cross bassi. Viene usato anche il tiro da fuori visti i buoni tiratori in rosa.

Fase di non possesso

Il pressing non è alto, anzi spesso si lascia costruire l'avversario, ma al momento che gli avversari superano la linea imposta dai suoi 3+1 giocatori offensivi in pressione, esso diventa intenso. Uno dei due centrocampisti sale con gli esterni formando appunto i tre.


La squadra si schiera nella propria metà campo con un 4-5-1 molto stretto e denso centralmente, lasciando giocare gli avversari sugli esterni.

Nella fasi di transizione positiva e negativa la Germania non effettua un contro-pressing totale ma rientra a difesa di Neur e nella positiva si cerca il consolidamento del possesso.

Il 3-4-3 della Germania del 2017

Dopo la vittoria del Mondiale in Brasile nel 2017, Joachim Löw prova qualche cambiamento vista la fine di un ciclo per molti suoi giocatori. La Germania quindi durante la Conferations Cup adotta uno schema ibrido tra un 3-4-3 e un 5-2-3. Kimmich è l'ago della bilancia di questi due moduli. La posizione è molto ibrida e ricrearla in Football Manager 24 è stato molto complicato, ogni ruolo e impostazioni era giuste e allo stesso tempo sbagliate.


Alla fine ho optato per una difesa a 3 in linea con il terzo di destra braccetto e il terzino come esterno completo. Il centrocampista del Bayern Monaco in pratica faceva sia il terzino che il centrocampista che l'ala. Potevo anche optare per un Carillero che però non mi avrebbe coperto la parte alta della fascia ma coperto la bassa, discorso inverso per la mezzala.

In più c'era il discorso che si unica di Gunter. Il difensore faceva a tutti gli effetti il terzino ma in fase di non possesso il terzo di difesa. Impostarlo terzino invertito mi avrebbe risolto il problema di lui ma non quello di Kimmich, inoltre avrei dovuto inserire i due giocatori uno sopra l'altra nella lavagna tattica.

La soluzione in Football Manager quindi è stata appunto l'esterno completo e il braccetto di difesa attacco, cos' che in fase di possesso abbiamo un terzino (Gunter) e un'ala (Kimmich).

Per quanto riguarda invece lo sviluppo e stile di gioco, non cambia nulla dai precedenti cicli, con la ricerca del possesso palla già dalla costruzione fino alla rifinitura. I giocatori di quella competizione per la Germania erano il solito Neuer in porta, in difesa Mustafi e Sule. I terzini come detto erano Hector da una parte e Ginter dall'altra. Del secondo abbiamo già parlato precedentemente, mentre il primo era più propenso ad attaccare.

A centrocampo come detto giocavano Kimmich sulla desta e centralmente c'erano Emre Can e Rudy. I due si scambiavano spesso di posizione fungendo da fonte del gioco di Low in fase di possesso e come schermo alla difesa in fase di non possesso.

Il tridente offensivo era formato da Draxler a sinistra, abile nel dribbling sul piede invertito. A destra ancora una novità per il tecnico tedesco perchè giocava Goretzxa. Il centrocampista sarebbe più portato a giocare al centro del campo ma l'esperimento fu ben riuscito visto che risultò il cannoniere della squadra con tre gol. Ovviamente interpretava il ruolo differentemente dalla classica ala o attaccante esterno, rientrando in mezzo al campo abbassandosi sul centrocampo per aiutare il fraseggio e inserirsi.

L'attaccante era Stindl, una presenza fissa in area di rigore per la finalizzazione.

La fase di non possesso come detto è la più complessa perchè un 4-3-3 di doveva trasformare in un 5-4-1, ecco il motivo della scelta di Kimmich in Football Manager 24.